Julia Artico

[ENG]: Once Julia Artico understood who she really was as a person, she was able to give a shape to what she felt inside as an artist. The results are somewhat of a fairy tale.

[ITA]: Una volta che Julia Artico capì chi fosse veramente come persona, fu abile a dare forma a quello che sentiva dentro come artista. I risultati sono qualcosa di fiabesco.

interview by Alberto Larizza |  PH. by Nicola Picogna


Support Julia on:


ENGLISH

What’s your name?

My name is Julia Artico, also known as JU.

Where are you from?

I am Italian but born in Switzerland in a nice little town facing lake Zurich, from a Umbrian mother and a Friulian father. My parents were emigrants.

How did the passion for hay begin?

Since I was a little girl I loved playing in an open landfill in the forest near my house, I would build and assemble all sorts of things. Some kind of natural talent that would horrify everybody, starting with my mother who could not stand this little girl so different from all of the other girls.
The forest was my den, the countryside surrounding the trees was a place close to my heart and here is where I started to gather and elaborate the natural materials that were abundant in nature; just for fun.
Then I grew up remaining faithful to this primordial instinct; I have worked with ecomuseums for years gathering stories and ancient knowledge.
Friuli, the region I live in, was a poor land but rich of tradition.
The miserable income of a family was based on hay, even a single clump was important for the survival of livestock that was at the base of the income of a family.
Looking at the degradation and the loss of values in todays society, the leap was short and I decided to do the right thing and give back value to the blade of grass.
This is when I got the idea to use hay.

Did you have a mentor?

Unfortunately for me I never had a mentor, I did everything on my own among a thousand difficulties.

What is the message that you would like to spread with your work?

The profound dialog between humanity and nature. The possibility of stopping and reflecting.

Is the message the same when you do expositions abroad or is there also an element of Italian culture that is added to this message for foreigners?

The message is universal, the conversation with nature does not know borders or limits, now more necessary than ever.

What do you look for when you travel?

I look for human contact, deep exchanges from heart to heart. Of the populations I really love ancient customs and traditions and the arts before “civilization”, I love to observe similarities and common ground among people.

In what did you improve with the opportunity to travel?

An open mind and the ability to adapt. Meeting other people stimulates creativity.

When I ask you to think of one positive thing about Italy, what do you think of?

Art and beauty for sure, we are the land where beauty and art manifest at their best…since forever.

You’ve done an installation with Barbara Negretti and Elisa Tomat dedicated to the work of gardeners in Chatsworth, England. How did the idea of focusing on the two hands, that are clearly bigger than the tree that they are planting, come about?

The idea was to represent the hands of a gardener that are planting the small seedling of a tree of which the ball of dirt fits in these hands; therefor the installation is nothing more than this image enlarged, with the original proportions. The park of Chatsworth in fact is enormous and any installation too small would have been lost in the landscape.

The type of tree chosen, English oak, is a reference to the old oak trees of the park and the importance this species has in the english flora.

Do these hands just communicate the art of gardening or do they also mean something else?

They communicate fatigue, hard work and perseverance that is behind every garden. They give honor to the humble job of the gardener, without whom so much beauty would not exist, and so these hands want to pay homage from garden designers to gardeners that are by their side, without whom even the best garden project could not become reality.

Sofia Rondelli writes of your work “penetrate the artistic language of Artico means to peacefully prepare yourself to listen…”
How much can we communicate with silence and what helps people listen?

I have lived for years in a forest in close contact with nature, it was the most beautiful and formative experience of my life. In the forest silence is not silence, you perfect a sensitivity that allows you to hear a leaf that is falling and the swish of the grass at the edge of a field.

The forest teaches you presence in the infinity of the present moment.

A journey in internal spaces filled with lights and shades, without the possibility to escape and that in the end allows you to touch with hand the joyful essence of nature.

Your work reminds us of fairy tales. If you could quantify, how much is fantasy and how much is real?

To be honest, the more that I look at my life from afar and the more I realize that I am living in a parallel dimension not common. By choice I allow entry in my existence to only beauty and simplicity, this puts me in a situation rather particular that “attracts” this fairy tale halo that is absolutely real.

Do you prefer creating people or animals?

I started with animals, sweet creatures that I love very much and that allowed me to be in deeper contact with nature. In this particular fase of my life I am more attracted to humans with all their complexities.

In your work that sees animals as protagonists my understanding is that they have always taught you something. How can we listen to animals and what can they teach us?

Every person has their preferential channels, for me observing, understanding and loving animals has helped me recover the sacred relationship with nature.

What do the works that see people as protagonists have in common and what can they teach us?

I ask for people to listen in silence.
Every figure encloses a thought, an idea, sometimes an actual story.
I like to observe people who try to communicate my work, humans always surprise me.
Sometimes they can’t define what they are feeling, but they are absolutely capable of the variation between a sculpture and another.
I have done some really interesting experiments regarding this.
I took two identical sculptures of women, inside of one sculpture I suspended a fetus of hay tied at the level of the heart and nothing hidden in the other sculpture.
The mother figure was worked thread by thread trying to weave the essence of motherly love, while the other figure without any particular state of mind.
It was surprising to see that all of the people who tried to make contact with the two figures in hay said that the female figure did not communicate absolutely anything.
The mother figure however attracted people even if they were not able to tell what the difference was, it spoke to them on a different level, some people felt warmth, some love and some sensed the intimate secret putting their hand on the belly.
Since that day I weave grass and stories to allow people to experiment with listening.

How much of Italy is in you work?

It is a North European tradition to work straw and this was a starting point for me to find my own method and combine it with good taste and the Italian aesthetic sense.

What does it mean to be Italian to you?

Being Italian means to have the genes of beauty written in our DNA, to be one step ahead of everybody else and the ability to always find new creative solutions to the obstacles in life

What is beauty for you?

Great question! Beauty can’t be pigeonholed, it’s absolutely subjective and objective at the same time. What is valid for me does not mean it’s valid for someone else.
I can find the divine in a string of grass, in a snail’s shell, in a chrysalis, in the damp smell of a fern, in the moss that covers a rock, it is absolutely personal.
I can find beauty in a string of grass, I love its humility, I love its strength, what’s beauty for me can be a banality for someone else.
The emotion I feel when people approach my work, that is beauty; Having a glimpse of their profoundness in a web of wonder and simplicity reminds me that only beauty approaches the divine and it allows us to communicate with our souls


ITALIANO

Come ti chiami?

Mi chiamo Julia Artico, detta anche JU.

Di dove sei?

Sono italiana ma nata in Svizzera in un ridente paesino che si affaccia sul lago di Zurigo, da madre umbra e da padre friulano. I miei genitori erano emigranti.

Com’é nata questa passione per il fieno?

Fin da piccola amavo giocare in una discarica a cielo aperto che avevamo nel bosco vicino a casa, costruivo e assemblavo di tutto. Una sorta di talento naturale che faceva inorridire tutti, per prima mia madre che non ne poteva più di una bimba così diversa da tutte le altre.
Il bosco era la mia tana, la campagna attorno agli alberi il mio luogo del cuore e li ho iniziato a raccogliere ed elaborare i materiali naturali che abbondavano in natura; così per gioco.
Poi sono cresciuta rimanendo fedele a quell’istinto primordiale; per anni ho lavorato con gli ecomusei raccogliendo racconti e antichi saperi.
Il Friuli la regione in cui vivo era una terra povera, ma ricca di tradizioni.
La misera economia di una famiglia era basata sul fieno, anche un singolo ciuffo era importante per il sostentamento del bestiame che era alla base dell’economia di una famiglia. Osservando il degrado e la perdita di valori dei nostri giorni il passo è stato breve ed ho deciso di rendere giustizia e ridonare valore al filo d’erba.
Da qui l’idea di utilizzare il fieno.

Hai avuto un mentore?

Purtroppo per me non ho mai avuto un mentore, ho fatto tutto da sola tra mille difficoltà.

Qual’é il messaggio che vuoi trasmettere con le tue opere?

Il dialogo profondo tra umanità e natura. La possibilità di fermarsi e riflettere.

Questo messaggio vale anche quando esponi all’estero oppure c’è anche un elemento della cultura Italiana che viene aggiunto a questo messaggio per gli stranieri?

Il messaggio è universale, non conosce limiti ne confini il dialogo con la natura, ora più che mai assolutamente necessario.

Cosa cerchi quando viaggi?

Ricerco i contatti umani, gli scambi profondi da cuore a cuore. Dei popoli amo molto le antiche tradizioni, gli usi, i costumi e tutta l’arte prima della “civilizzazione”, mi piace molto osservare le analogie e i punti comuni tra i popoli.

In che cosa sei migliorata con l’opportunità di viaggiare?

Elasticità mentale e capacità d’adattamento. L’incontro con l’altro stimola la creatività.

Quando ti chiedo di pensare ad una cosa positiva dell’Italia, a te cosa viene in mente?

Sicuramente arte e bellezza, siamo la terra dove la bellezza e l’arte si esprime meglio… da sempre.

Hai fatto un’installazione insieme a Barbara Negretti e Elisa Tomat dedicata al lavoro dei giardinieri, a Chatsworth in Inghilterra. Com’è nata l’idea di focalizzarsi sulle due mani, che sono chiaramente molto più grandi dell’albero che stanno piantando?

L’idea di base era rappresentare le mani di un giardiniere che piantano una piccola plantula di albero, il cui pane di terra sta tutto dentro la mano; l’installazione, quindi, non è altro che questa immagine ingigantita, con le proporzioni originali. Il Parco di Chatsworth ha infatti dimensioni enormi, e qualsiasi allestimento troppo minuto si sarebbe perso nel paesaggio. La specie di albero scelta, la farnia, è un richiamo alle vecchie querce del Parco e all’importanza che questa specie ha nella flora inglese.

Queste mani comunicano solo l’arte del giardinaggio oppure comunicano altro?

Comunicano la fatica, il lavoro e la perseveranza che stanno dietro ad ogni giardino. Rendono onore all’umile lavoro del giardiniere, senza il quale non esisterebbe tanta bellezza, e quindi vogliono essere un omaggio da parte dei garden designer ai giardinieri che li affiancano, senza i quali il miglior progetto di giardino non potrebbe tramutarsi in realtà.

La dottoressa Sofia Rondelli scrive delle tue opere “Addentrarsi nel linguaggio artistico di Artico significa predisporsi serenamente all’ascolto…”
Quanto si riesce a comunicare con il silenzio e cosa invita le persone ad ascoltare?

Ho vissuto per anni in un bosco in strettissimo contatto con la natura, è stata l’esperienza più bella e più formativa della mia vita. Nel bosco il silenzio non è silenzio, affini una sensibilità che ti permette di sentire una foglia che cade e il fruscio dell’erba ai bordi del prato. Il bosco insegna la presenza a te stesso nell’infinito attimo presente.
Un viaggio negli spazi interiori denso di luci e ombre, senza possibilità di fuga che alla fine ti porta a toccare con mano l’essenza gioiosa della natura.

Le tue opere ricordano molto le favole. Se tu potessi quantificare, quanto c’é di fiabesco e quanto c’é di reale?

Ad essere sinceri, più osservo la mia vita in modo distaccato e più mi accorgo di vivere in una dimensione parallela non comune. Per scelta faccio entrare nella mia esistenza solo bellezza e semplicità questo mi pone in una situazione alquanto particolare che “attira” questo alone da fiaba che è assolutamente reale.

Preferisci creare persone o animali?

Ho iniziato facendo animali, dolcissimi esseri che amo molto che mi hanno permesso di arrivare ad un contatto più profondo con la Natura, in questo particolare periodo della mia vita però mi attraggono molto di più gli umani con la loro complessità.

Nelle tue opere che vedono gli animali protagonisti mi sembra di capire che ti hanno sempre insegnato qualcosa. Come si fa ad ascoltare un animale e cosa ci può insegnare??

Ogni persona ha i suoi canali preferenziali, per me osservare, comprendere e amare gli animali mi ha  permesso il recupero del rapporto sacro con la Natura.

Cos’é che accomuna le tue opere che vedono le persone protagoniste e cosa ci possono insegnare?

Io chiedo l’ascolto in silenzio.
Ogni figura racchiude un pensiero, un’idea, a volte una vera e propria storia.
Mi piace osservare le persone che cercano di comunicare con loro, l’umano mi stupisce sempre. A volte non sanno definire cosa stanno percependo ma sono assolutamente capaci di sentire la variazione tra una scultura e l’altra.
Ho fatto delle sperimentazioni molto interessanti a questo proposito.
Ho preso due sculture di donna uguali, in una ho sospeso all’interno un feto di fieno legato all’altezza del cuore, nell’altra nulla.
La madre è stata lavorata filo dopo filo cercando di intessere l’essenza dell’amore materno, l’altra senza nessun particolare stato d’animo.
E’ stato sorprendente vedere che tutte le persone che hanno cercato un contatto con le due figure in fieno, hanno dichiarato che la figura femminile non comunicava assolutamente nulla.
La madre invece attraeva anche se non erano in grado di dire cosa ci fosse di diverso, parlava ad un altro livello, c’è chi ci ha sentito il calore, chi l’amore e chi ne ha intuito l’intimo segreto mettendogli dolcemente una mano sul ventre.
Da quel giorno intesso fili d’erba e storie per permettere agli uomini di sperimentare l’ascolto.

Quanto c’é di Italia nelle tue opere?

La lavorazione della paglia è più una tradizione nord europea dalla quale io ho preso spunto per trovare una mia metodologia di intervento che coniugo con il buongusto e il senso estetico italiano.

Cos’é la bellezza secondo te?

Bella domanda! La bellezza sfugge all’incasellamento è assolutamente soggettiva e oggettiva al tempo stesso. Quello che vale per me non è detto che tocchi le corde di altri.
Io posso trovare il sublime in un filo d’erba, in un guscio di lumaca, in una crisalide, nell’umido odore di una felce, nel muschio che ricopre un sasso, è un fatto assolutamente personale.
Io riesco a trovare la bellezza in un filo d’erba, amo la sua umiltà, amo la sua forza quello che per me è bellezza per un altro è banalità.
L’emozione che sento nelle persone che si avvicinano alle mie opere, quella è bellezza; intravvedere la loro profondità in un groviglio di stupore e semplicità mi ricordano che solo la bellezza ci avvicina al divino e ci permette di comunicare con la nostra anima.

Per te cosa vuol dire essere Italiana?

Essere italiana vuol dire avere i geni della bellezza inscritti nel DNA, avere una marcia in più e una capacità di trovare sempre nuove soluzioni creative agli intoppi della vita.

product-highlights
0