Vabbè Podcast

[ENG]: Linda and JM are two friends who navigate through life in London, disastrous dates, holidays gone wrong and memories of Italy. Thankfully they decided to tell us everything in their hilarious podcast.

[ITA]: Linda e JM sono due amici che si destreggiano tra la vita a Londra, appuntamenti disastrosi, vacanze finite male e ricordi dell’Italia. Per fortuna hanno deciso di raccontarci tutto nel loro divertentissimo podcast.

Interview by Kristal Trotter | Translated by Bianca Pirrelli | Illustration by @beingcecilia


Support Vabbè Podcast on:

Follow Linda on:

Follow JM on:


ENGLISH

What are your names and where are you from?

L – My name is Linda Okachi and I’m an Afro-Italian girl, born in London from Nigerian parents. I moved to the province of Varese, Italy, when I was about two years old and I lived there until 2007.

JM – Hi! I am Jean-Marcel, but everyone calls me JM. I was born in Novara, in Piedmont, Italy. My mother is Italian and my father is Ivorian (from the Ivory Coast). I’ve been in London for about 13 years now.

This could be a simple podcast of just chatting about random things for many people, but since the very first listen I thought it was a very important project and that this is what we needed – to talk about everything and anything. As Afro-Italians, feeling all your Italianness in your voices and in your experiences clears away any doubt for people who may question it. Did you think about the importance that this project might have?

L – This idea came randomly, we’ve known each other for a couple of years and every time we meet, we really talk about everything and anything. We grew up in Italy where we got to experience Italian life (if you can say so), although we grew up in two different regions and although we have African origins. I think people are used to hearing or seeing Afro-Italian people complain about problems in Italy, etc. In this podcast we wanted to shake things up a bit… We wanted to talk about things you discuss everyday with your friends. When we record, everything comes naturally, as you can feel from the episodes, meaning that our conversations are actually like that.

This podcast is for everybody – for people who want to laugh about our way of speaking a little British, for people who want to learn something different, for people who, like us, love to talk about anything, and especially for people who feel or have felt different at least once in their life.

JM – This is a project I really care about. Growing up, I have questioned my Italianness many times, both because of personal mental walls and because of the atmosphere I grew up in. I would have loved to have more points of reference that helped me open my mind and helped me understand what the true values that make you Italian are. I struggled to recognize my African side as well. I started truly discovering this part of my culture only when I was a little older. Through this podcast, which was born somewhat by chance, we have the opportunity to explain to our audience the values that make us both African and Italian. At the same time we can also tell experiences and express points of view that make us unique and ourselves.

You live in London now and, during one of your recent podcasts, you said that you two speak mostly in English. How did the decision to create a wholly Italian podcast come about?

L – Yes! We hardly speak any Italian when we are together, unless we are out in London and we need to talk about something private and we don’t want anyone to listen to us.
It’s kind of ironic that we are using the language that we usually employ to tell each other our secrets, but Italian will always be our mother tongue to us… there are sayings that are impossible to translate in English unless you tell them in Italian! Those are exactly the sayings that represent us.

JM – I like the fact that we speak Italian! Like Linda said, it’s like our own way of telling secrets and silly things that we don’t want people to understand when we are out in London. In the end this is what we do in our podcast – we talk unfiltered, as if nobody was listening to us. By the way, I would like to apologize for all the subjunctives we destroy systematically during each episode and for words like Matematologo (Mathematologist) that sometimes slip out.

You have mentioned Kpop and Afrobeat music, work trips and holidays with friends so far. How much is internationality important to you?

LInternationality is very important to me, and I understood it only after moving to London. I’ve been researching the concept of culture for many years. I find it so interesting! It might seem lame, but I bought so many books about identity because I was literally so confused! I didn’t know if it was normal to be Afro-Italian, or even if something like this could exist; after all, this term is actually pretty new, and when I was a girl I was either Italian or English or African.
Now that I am 27, I am happy to have found the answer and to have understood that the choice is yours and that you can feel Italian even if you’re not born in Italy, like in my case.

Anyway – yes, regarding Afrobeat music, we can say that it’s my favorite type of music! I don’t know what it is about it, but it makes me feel so much joy and I try to share this passion of mine with my subscribers on YouTube or on my Instagram Stories. I like to receive direct messages where people tell me they’ve updated their playlists with a song they’ve discovered thanks to me.

JM – Our generation is really lucky. For the first time, it has been possible to get informed about whatever you want in the world through a click or some online research. It would be stupid not to take advantage of that! Besides, Linda and I were lucky to have lived in two different countries and to have been surrounded by the culture of a third country; this is why it has been beautiful and it’s really opened my mind. When I moved to London, I met people from all over the world and it made me think about how many things there are that I don’t know about, and how many things I want to learn.
The longing for a global mentality pushed me to make work decisions that go towards that same direction, which made me work with countries from Europe, Asia and Middle East. This is what I love the most, so I bring it with me in every aspect of my life.

How did the opportunity to travel make you better?

L – The opportunity to travel opened my mind! I don’t come from a wealthy family so we weren’t used to going far during the holidays when I was a kid – my mom usually brought us to our relatives in Veneto during the summer.
Now that I’m older and more economically stable I have the chance to travel and explore different countries. I recently went to Latvia and I was impressed! I had heard that people are racist in that part of Europe. I was actually a little afraid when I left because now, living in London, racism is not frequent.

I was actually quite shocked because I was welcomed by so many smiles, people even said hi to me on the streets! This makes you understand how much ignorance can bring you to a wrong perception sometimes.

JM – I love to travel, too, just like Linda, I’ve only recently started to explore the world. I traveled solo a couple of times to places like Korea, China and Japan, which I obviously love. These experiences made me grow as a person and made me feel more confident and independent. One of the trips that changed me the most, though, was last year, when I had the chance to travel to the Ivory Coast for the first time. Seeing where my father comes from and seeing how much he did to get to where he is now was really beautiful. Also, I loved meeting parts of my family that I had never met before and who welcomed me with enthusiasm.

Linda, you’re really active on social media. Did social media influence your identity? If so, how?

L – Yes, I am really active on social media! It’s weird because, who has known me for a while knows that I was really shy when I was a kid.
The world of social media has always interested me and I really want to share my story to encourage girls who don’t really feel beautiful or who feel different. Actually, it’s not easy! Lots of relatives of mine are against it, they don’t understand why I go on telling the world “my business” so openly, but to me it is really important and one of the reasons for everything I post on social media is making people understand that diversity makes us unique!

JM, is it the same for you?

JM – I use social media a lot, but more from the audience point of view. I mean, it’s rare that you find a picture of my face on my Instagram or Facebook. I love sharing pictures from my perspective on trips or on the food that I eat, but nothing more than that. I must say, I use YouTube a bunch, it’s not really a social network but it has influenced my identity a lot. Especially around 2008/2009, when I started watching YouTube channels like “5AwesomeGays”, where I started seeing older people living their homosexuality serenely. Thanks to people like Tyler Oakley and Matthew Lush, who were the most popular in the LGBT community at the time, I started feeling more at ease with myself and I slowly found the strength to get to my coming out.

What is beauty to you?

L – It took me quite some time to understand this. I have memories from middle school, where I would look at my friends and compare myself to them every day. I never received attention from boys at the time, and this upset me a lot. I would always be told “you’re nice, but you’re not my type”.
Adding to that, let’s say that there was nobody around me, at school or on TV in Italy, that had my same body, or my same features, which made me become very insecure about myself. I’ve been thinking for years now that real beauty is being yourself and self-love! I understood this very late, unfortunately, and it is one of the reasons why I really want to share my stories, just because I know how you could feel. One thing is for sure though, and that is the secret to feeling beautiful lies in never grounding one’s beauty on what others think.

JM – This is a hard question… to me, finding beauty in many things comes easy! I love art, design, fashion, architecture, etc. But I must say that I still have my insecurities about my image. In the gay community especially, where it seems like everyone is a jock, tanned and perfect, it’s hard to compare yourself to pictures you see on social media or apps like Tinder or Grindr. Anyway, I find a lot of confidence in the way I dress and the image I created of myself. Being self-confident and appreciating things that make you unique is what makes you feel beautiful.

What are your passions and what are you interested in at the moment?

L – I think I have three passions. I love films and I often go to the movies, I have loved fashion since I was a little girl and I love training at the gym.

JM – I’m crazy about TV shows! I always watch a lot of them. Netflix has been the best purchase I have ever made. And also trash television, like Uomini E Donne and the Italian Big Brother, which are irreplaceable.
Besides that, I’ve been taking a Korean course, I like fashion, music and going to the pub with friends… and food!

How do you imagine the future of Vabbè Podcast?

L – There will be lots of surprises, we’d love to involve more people, having guests and giving the opportunity to young people from Italy to tell their story.

JM – We want to involve more people for sure, and tell stories from various points of view. I would also like to face more serious topics in order to give our audience the chance to be part of conversations which might be alien to their circle of friends. Anyway, we will have more conversations and many more laughs!


ITALIANO

Come vi chiamate e da dove venite?

L – Mi chiamo Linda Okachi e sono una ragazza Afroitaliana nata a Londra da genitori Nigeriani. Mi sono trasferita in provincia di Varese più o meno a due anni dove ho vissuto fino al 2007.

JM – Ciao! io sono Jean-Marcel, ma tutti mi chiamano JM. Sono nato a Novara in Piemonte da madre italiana e padre Ivoriano (della Costa d’Avorio). Adesso sono a Londra da ormai ben 13 anni.

Per molti questo potrebbe essere un semplice podcast che parla del più e del meno, ma già al primo ascolto ho pensato che fosse un progetto importantissimo e che c’era bisogno proprio di questo – parlare del più e del meno. In quanto Afroitaliani, sentire tutta la vostra italianità nelle vostre voci e nelle vostre esperienze toglie qualsiasi dubbio a chi invece la contesta. Avete pensato all’importanza che potrebbe avere questo progetto?

L – Questa idea ci è venuta a caso, noi ci conosciamo da qualche anno e ogni volta che ci vediamo parliamo veramente del tutto e del niente.
Siamo cresciuti in Italia dove abbiamo avuto esperienze da italiani (se si può dire), pur essendo cresciuti in due regioni diverse e pur essendo di origini africane. Credo che molte persone siano abituate a vedere o sentire persone Afroitaliane lamentarsi dei problemi in Italia, ecc., ma in questo podcast volevamo cambiare un po’ l’aria… volevamo parlare di ciò che si discute nella vita normale tra amici.
Quando registriamo ci viene tutto molto naturale, come si può percepire dagli episodi, nel senso che le nostre conversazioni sono veramente così.

Questo podcast è un po’ per tutti, sia per chi ha voglia di ridere del nostro modo di parlare un po’ English, per chi ha voglia di imparare qualcosa di diverso, per chi come noi ama parlare di qualsiasi cosa, ma soprattutto per chi forse si sente o si è sentito diverso almeno una volta nella loro vita.

JM – Questo è un progetto a cui tengo molto. Crescendo ho messo molte più volte in discussione la mia “italianità” sia per blocchi personali, sia per l’atmosfera in cui sono cresciuto. Mi sarebbe piaciuto molto avere più punti di riferimento che mi aprissero di più la mente e che mi facessero capire quali sono i veri valori che ti rendono italiano.
Ho anche avuto difficoltà nel riconoscere la mia parte africana. Questa parte della mia cultura l’ho incominciata a scoprire fino in fondo solo quando ero già un po’ più grandicello. Con questo podcast, nato un po’ per caso, abbiamo la possibilità di far capire a chi ci ascolta i valori che ci rendono sia Afro che Italiani, ma allo stesso momento di raccontare le esperienze e i punti di vista che ci rendono unici e noi stessi.

Adesso abitate a Londra e avete detto in un recente episodio che voi due vi parlate prevalentemente in inglese. Come nasce la decisione di creare un podcast tutto in italiano?

L – Sì! Tra di noi non parliamo quasi mai in italiano a meno che siamo in giro per Londra e dobbiamo parlare di qualcosa di privato e non vogliamo che nessuno ascolti.

È un po’ ironico il fatto che stiamo usando la lingua che di solito usiamo per dirci i nostri segreti, però per noi l’Italiano rimarrà per sempre la nostra madrelingua…ci sono modi di dire che se non detti in Italiano sono impossibili da tradurre in Inglese! E quelli sono proprio i modi di dire che ci rappresentano.

JM – A me piace il fatto che parliamo in italiano! come ha detto Linda, è un po’ un modo che abbiamo in comune per raccontarci i segreti e le cavolate che non vogliamo che la gente capisca quando siamo in giro per Londra. Alla fine è un po’ questo quello che facciamo nel podcast, parliamo senza filtri come se non ci ascoltasse nessuno.

Comunque vorrei chiedere scusa a tutti per i congiuntivi che puntualmente distruggiamo in ogni episodio e termini come “Matematologo” che ogni tanto ci scappano.

Fino ad ora avete accennato a musica Kpop e Afrobeat, viaggi di lavoro e vacanze con gli amici. Quanto è importante l’internazionalità per voi?

L – Per me l’Internazionalità è importantissima e questa cosa l’ho capita solamente una volta che mi sono trasferita a Londra. Il concetto della cultura è una cosa che ricerco da molti anni. La trovo veramente tanto interessante! Sembra da sfigati, ma ho comprato un sacco di libri sull’identità perchè ero letteralmente confusa!
Non sapevo se fosse normale essere Afroitaliana e se potesse esistere una cosa del genere perchè alla fine questo termine è nuovo e quando ero una ragazzina io, ero o Italiana o Inglese o Africana.
Ora che ho 27 anni sono felice di aver trovato la risposta e di aver scoperto che la scelta è la tua e che ci si può sentire Italiani anche non essendo nati in Italia, come nel mio caso.

Comunque sì, per quanto riguarda la musica Afrobeat, diciamo che è il mio genere di musica preferito! Non so cosa sia ma mette un sacco di felicità e questa mia passione cerco di condividerla con i miei iscritti su Youtube o sulle storie su Instagram. Mi fa piacere ricevere messaggi in direct dove mi si viene detto che hanno aggiornato la loro playlist con una canzone che hanno scoperto tramite me.

JM – In questa generazione siamo veramente fortunati. È la prima volta dove è possibile informarsi su tutto quello che vuoi sapere sul mondo con un click o qualche ricerca online. A me sembrerebbe stupido non approfittarne! Io e Linda abbiamo anche avuto la fortuna di vivere in due paesi diversi, ed in più essere circondati dalla cultura di una terza nazione, per me questo è stato bellissimo e mi ha veramente aperto la mente. Quando mi sono trasferito qui a Londra ho incontrato gente che proveniva da tutto il mondo, questo mi ha fatto pensare a quante altre cose ci sono che non conosco e quante cose voglio ancora scoprire.

La voglia di avere una mentalità globale mi ha anche portato a fare scelte di lavoro indirizzate in quella direzione, il che mi ha portato a lavorare con paesi dell’Europa, dell’Asia e del Medio Oriente. Questo è ciò che amo di più, quindi è una cosa che porto con me in ogni aspetto della mia vita.

In che cosa siete migliorati con l’opportunità di viaggiare?

L – L’opportunità di viaggiare mi ha aperto la mente! Non vengo da una famiglia ricca quindi da piccola in vacanza non andavamo lontano (mia mamma solitamente d’estate ci portava dagli zii in Veneto).
Ora che sono più grande e sono più stabile economicamente ho l’opportunità di viaggiare ed esplorare Paesi diversi. Sono andata in Lettonia recentemente e sono rimasta stupita! Avevo sentito dire che erano razzisti in quella parte dell’Europa. Quando sono partita infatti avevo anche un po’ di paura perché ormai vivendo a Londra è difficile subire razzismo.
Sono rimasta scioccata perchè sono stata accolta da tanti sorrisi, addirittura le persone per strada mi salutavano! Solo questo ti fa capire che tante volte l’ignoranza può portarti ad avere una percezione che non è quella vera.

JM – A me viaggiare piace molto, un po’ come Linda, è solo ultimamente che ho incominciato ad esplorare il mondo. Ho viaggiato più volte da solo per mete come la Corea, la Cina e il Giappone, che ovviamente amo. Queste esperienze mi hanno portato a crescere come persona e a rendermi più sicuro di me ed indipendente. Uno dei viaggi che mi ha cambiato di più però è stato l’anno scorso quando ho avuto la possibilità di andare in Costa D’avorio per la prima volta. Vedere da dove arriva mio padre e capire quanto si è dato da fare per arrivare a dov’è adesso è stato molto bello. In più mi è piaciuto moltissimo conoscere parti della mia famiglia che non avevo mai incontrato e che mi hanno accolto con molto entusiasmo.

Linda, tu sei molto attiva sui social network. I social media hanno influito sulla tua identità? Se sì, come?

L – Sì, sono molto molto attiva sui social! Mi fa molto strano perché chi mi conosce da tanto sa che quando ero piccolina ero molto timida.
Mi è sempre interessato il mondo dei social e ci tengo a condividere la mia storia per incoraggiare ragazze che magari non si sentono le più belle o si sentono diverse.
A dir la verità non è facile! Tanti miei parenti sono contro a questa cosa e non capiscono perché racconto “i cavoli miei” cosí apertamente, però per me è importante ed una delle motivazioni dietro tutto ciò che posto sui social è quella di far capire alle persone che la diversità ci rende unici!

JM, lo stesso vale anche per te?

JM – Io i social li uso molto, però più da spettatore. Cioè è raro che trovi una foto del mio viso sul mio Instagram o Facebook. Mi piace molto condividere foto dalla mia prospettiva sui miei viaggi o del cibo che mangio, però niente più di quello. C’è da dire che Youtube io lo uso un casino, non è proprio un social, ma comunque ha influito moltissimo sulla mia identità. Soprattutto verso il 2008/2009 è quando ho incominciato a seguire canali youtube tipo “5AwesomeGays” dove ho iniziato a vedere persone più grandi che vivono in modo sereno la loro omosessualità. Grazie a persone tipo Tyler Oakley o Matthew Lush, che ai tempi erano i più conosciuti nel mondo LGBT, ho incominciato a sentirmi piu’ a mio agio con me stesso e ho pian piano trovato la forza di arrivare al mio coming out.

Cos’è la bellezza per voi?

L – Ci ho messo veramente tanto tempo per capire questa cosa. Ho ricordi delle media di quando guardavo le mie amiche e mi paragonavo a loro ogni giorno. All’ epoca non ricevevo attenzioni da ragazzi e questa cosa mi turbava parecchio. Mi veniva sempre detto “ sei simpatica ma non sei il mio tipo”.

In più diciamo che non c’era nessuno intorno a me, a scuola o in tv in Italia, che aveva il mio stesso corpo o i miei stessi lineamenti, cosa che mi ha portato a diventare molto insicura di me stessa. È da anni ormai che secondo me la bellezza è nell’essere se stessi e nell’auto-piacersi! Questa cosa l’ho capita molto tardi purtroppo ed è uno dei motivi per cui ci tengo a condividere le mie storie, proprio perchè so come ci si potrebbe sentire. Una cosa è certa però, il segreto nel sentirsi belli sta dietro al non basare mai la propria bellezza su cosa pensano le persone.

JM – Questa è una domanda difficile…per me è facile trovare la bellezza in molte cose! amo l’arte, il design, la moda, l’architettura… peroò c’è da dire che ho ancora le mie insicurezze sulla mia propria immagine. Nel mondo gay soprattutto, dove sembra che sono tutti palestrati, abbronzati e perfetti, è difficile paragonarsi con le immagini che vedi sui social o applicazioni come Tinder o Grindr. Comunque trovo molta sicurezza nel modo in cui mi vesto e l’immagine che mi sono creato. L’essere sicuri in sè e apprezzare le cose che ti rendono unico è ciò che ti fa sentire bello.

Quali sono le vostre passioni e a cosa siete interessati in questo momento?

L – Credo di avere tre passioni. Amo i film e vado molto spesso al cinema, amo la moda da quando ero piccolina e mi piace molto allenarmi in palestra.

JM – Io vado pazzo per le serie TV! Ne guardo sempre un sacco. Netflix è stato l’acquisto migliore che io abbia fatto. Poi comunque la TV trash come Uomini E Donne e il GF italiano sono insostituibili.
A parte quello ultimamente sto facendo un corso di Coreano, mi piace la moda, la musica e andare al pub con gli amici… e poi il cibo!

Come ve lo immaginate il futuro di Vabbè Podcast?

L – Ci saranno molte sorprese, vorremmo coinvolgere più persone portando ospiti e dando l’opportunità ai giovani d’Italia di raccontare la loro storia.

JM – Di sicuro vogliamo coinvolgere più gente e raccontare storie da più punti di vista. Poi a me piacerebbe affrontare argomenti anche un po’ più  seri per dare la possibilità a chi ci ascolta di far parte di discorsi magari alieni al loro cerchio di amicizie. In ogni caso ci saranno molti argomenti e molte altre risate!

product-highlights